Idifu Womens Fashion Zip Up Punta A Punta Alto Plateau Grosso Tacco Alto Stivali Martin Nero

B078JY57TQ
Idifu Womens Fashion Zip Up Punta A Punta Alto Plateau Grosso Tacco Alto Stivali Martin Nero
  • scarpe
  • sintetico
  • suola di gomma
  • l'albero misura circa 4,3 dall'arco
  • la piattaforma misura circa 1,25
  • stivaletti alti alla caviglia in pelle sintetica con tacchi da 3,9 pollici che ti rendono più elegante, che si abbina facilmente a vestiti e jeans
  • elementi affascinanti e retrò con punta chiusa a punta, tacco alto, cerniera laterale, plateau, tinta unita, altezza alla caviglia e suola in gomma
Idifu Womens Fashion Zip Up Punta A Punta Alto Plateau Grosso Tacco Alto Stivali Martin Nero Idifu Womens Fashion Zip Up Punta A Punta Alto Plateau Grosso Tacco Alto Stivali Martin Nero Idifu Womens Fashion Zip Up Punta A Punta Alto Plateau Grosso Tacco Alto Stivali Martin Nero Idifu Womens Fashion Zip Up Punta A Punta Alto Plateau Grosso Tacco Alto Stivali Martin Nero
venerdì, 1 giugno 2018
16.7 C
Umbria
31 maggio 2018
Propet Womens Evie Walking Shoe Nero

Sneaker Da Uomo Mahalo Grigio / Blu Da Uomo 9 Giorni Medio

Allhqfashion Donna Scarpe Stringate Tacco Alto Scarpe Tacco Alto Nere

Bandi arte e cultura, Fondazione CariPg: ecco i progetti finanziati

#discoverUmbria | Cascia, Festa di Santa Rita

Nike Mens Hyperdunk 2015 Scarpa Da Pallacanestro Università Rosso / Brillante Cremisi / Bianco / Argento

[Dalla Terra santa a Perugia: il messale miniato di San Giovanni…

Adidas Mens F30 Trx Fg blu / Wht / Core Energia 65 ​​m

Mc Marin’s, o l’Umbria d’oltreoceano

VIDEO | Bomba d’acqua a Corciano: strade completamente allagate

Scarpe Con Il Tacco Basso In Pelle Marrone Da Donna

PERUGIA – Pazienti ricoverati, insieme ai loro familiari impegnati nell’assistenza, da oggi possono leggere libri durante la permanenza ed usufruire così del nuovo servizio di “Biblioteca in ospedale”. Mercoledì mattina 30 Maggio, nell’atrio dell’ingresso principale del Santa Maria della Misericordia di Perugia, è stato presentato il progetto, voluto dalla direzione aziendale, con l’obiettivo di creare una sorta di biblioteca itinerante dove è il libro che si muove per andare fino al letto dell’assistito, attraverso un percorso predisposto e con l’aiuto dei volontari, nell’ottica di rendere la permanenza in ospedale più “accogliente” e “umanizzata”.

“Curarsi con la lettura” è quindi lo slogan scelto, con i libri che entrano così anche in ospedale, percepito pertanto non solo come luogo di cura e spesso di sofferenza ma come spazio dove sopravvive una preziosa quotidianità ed ora anche di cultura: a sottolinearlo sono stati, durante la presentazione, il direttore generale Emilio Duca, quello sanitario Diamante Pacchiarini e la responsabile della Direzione formazione e qualità, Adamantia Vafiadaki, che ha curato la raccolta dei volumi e il regolamento che disciplina la biblioteca ospedaliera, affiancati da alcuni rappresentanti degli enti che hanno donato i libri e dai volontari Lilt e del Circolo LaAv (Letture ad alta voce).

Conversazioni tra Orto e Giardino
Live, Love, Gardening

I 10 perché del fare un orto (e il suo uso “sovversivo”)

Maggio e giugno sono mesi cruciali per chi, come noi, ha preso la folle e bellissima decisione di cimentarsi nella coltivazione di un orto. Folle, tra virgolette, perchè fare un orto di una certa dimensione implica fatica e dedizione, bellissima perchè non c’è niente di più bello di veder crescere e mangiare qualcosa di piantato con le proprie mani.

Ma chi sono le persone che, come noi, hanno un orto? Hippie datati? Sovversivi pericolosi? Inguaribili romantici? Pollici verdi allo sbaraglio? E perchè hanno deciso di coltivare un orto?

Noi possiamo dirvi che rimuginandoci abbiamo messo giù i nostri 10 perchè del fare un orto:

L’orto è creativo. Nell’orto non c’è fretta. L’orto crea comunità. L’orto crea consapevolezza. L’orto esalta la biodiversità. L’orto stimola la curiosità. L’orto allontana lo stress. L’orto insegna ad attendere. L’orto vuol dire rispetto. L’orto è sovversivo.

Ricordatevelo quindi, guardando la pianta di lattuga o di basilico che avete sul terrazzo: non c’è gesto più eversivo che coltivare il proprio cibo e non serve l’EXPO (soprattutto questo EXPO) a farvelo capire; non credete a chi vi dice che è difficile o faticoso, non c’è niente di più naturale: affidate un seme alla terra e, se volete urlare il vostro dissenso, fatelo con gli stivali sprofondati nella terra del vostro orto.

Seguici anche su Facebook

#traortoegiardino

Sull'autore

conversazionitraortoegiardino

Quattro mani sempre all'opera, tra orto, giardino e cucina. Due giardinieri curiosi che guardano il mondo con occhiali dalle lenti verdi e ne parlano sul loro blog. #traortoegiardino

You May Also Like
Abito Da Donna Caliente Rosa Petali Nero / Bronzo
Vans Mens Atwood balistico Pattino Da Skate Navy / Moonstruck
TORTA AL LIMONE E MIRTILLI, SUPER FACILE
Scarpe Da Ginnastica Da Uomo Con Testa Di Cranio E Scarpe Sportive Da Ginnastica
1 Comment
Pingback: Conversazioni tra Orto e Giardino | Al Taste of Milano abbiamo imparato a cucinare…

La discussione è terminata

Informazioni

Extra

Contattaci

Piazzale XXVI Luglio, Udine c/o Uffici Factory Banca TER

Collaborazioni

Copyright 2018 © Visitait SRL, via Stretta del Parco 4, Buttrio (UD) IT - P.IVA 02848440307